sabato 19 maggio 2012

La biblioteca civica "8 Luoghi"


Una decina di anni fa l'associazione culturale A Cria fondò la prima biblioteca in quel di Vallebona: con libri ceduti da privati e altri dalla Biblioteca Internazionale di Bordighera raggiunse, in breve tempo, una discreta quantità di testi di ogni genere. 
Due anni fa il Comune ricevette una donazione di libri di carattere prevalentemente storico-artistico-religioso. Nacque così la Biblioteca civica 8 Luoghi che venne ubicata in alcune stanze dell'edificio municipale: grazie alla donazione e alla gestione di un volontario, Vallebona si è ritrovata un patrimonio librario di notevole interesse.
Si intuisce facilmente che due biblioteche in un piccolo paese sono troppe, così A Cria decide di incorporarsi alla biblioteca civica, apportando un notevole completamento di argomenti. 
Oggi è quindi operativa la sola Biblioteca civica 8 Luoghi, che è in grado di offrire testi letterari, storici, artistici, religiosi, di saggistica, di letteratura per l'infanzie e l'adolescenza e in lingua straniera.
Ieri sono andata a portare al sig. Riccardo Lanteri (il prezioso volontario), le ultime scatole di libri che ogni tanto mi arrivano dalla gente. E' stato emozionante vedere tutti quei libri al mio paesello! Ed è stato sorprendente vedere il lavoro svolto da Rirì in questo breve anno e mezzo... Egli continua con solerzia il suo operato ed essendo un assiduo lettore, ha trovato di che nutrirsi in quella vasta scelta di cui dispone. 
L'afflusso di pubblico c'è, anche se sarebbe meglio si incrementasse, soprattutto per il fatto che da mesi la splendida Biblioteca Internazionale di Bordighera è chiusa (?).
L'orario che osserva la biblioteca di Vallebona, in via del Municipio 4, è il seguente:
lunedì        18.00 - 19.30
mercoledì   18.00 - 19.30
venerdì      15.00 - 19.00
La disponibilità di Riccardo è totale, per cui se qualcuno ha bisogno di interpellarlo può chiamare al 333-9159915.
Questa realtà si aggiunge ad altri gruppi a sfondo sociale che operano nel paese (pro loco, cooperativa floricola, associazione culturale, banda  musicale), dando lustro alla collettività e mantenendo vivo un microcosmo che, senza di loro, verserebbe nell'apatia e nella disgregazione.


3 commenti:

raggio ha detto...

non è da tutti avere un patrimonio culturale così importante... complimenti a tutti voi! buona domenica, ciao!

Gian Paolo ha detto...

".. le città che sfidano il tempo sono quelle le cui mura sono fatte di carta, di memorie, di registri di cronache e di storie…"

Unknown ha detto...

bravo papà ;)