lunedì 20 giugno 2011

Natura bizzarra

Agapantuus bianco e lavanda

Immancabilmente quasi tutti gli agapanthus hanno lo stelo diritto per sorreggere un'esplosione di fiori blu o bianchi. L'esemplare che ho raccolto ieri in campagna, invece, è tutt'altro che "standard"...


Ostruito nella crescita da una cascata di tralci di vite americana (uva fragola) deve aver combattuto un'alacre battaglia, viste le ferite che riporta sul suo stelo inesorabilmente curvato.


Tuttavia ha portato a buon fine il suo pomo, generando quella particolare irradiazione di fiori che a turno si apriranno fino a completare la fioritura.


Un esemplare bizzarro, che cattura l'attenzione più di quanto non riescano i suoi simili "normali", come dire che nel diverso è riposto qualcosa di speciale.

Vi lascio per una decina di giorni. Mi mancherete sicuramente.
Spero di ritrovarvi al mio ritorno.
Ciao a tutti.


6 commenti:

Lara ha detto...

Anche tu ci mancherai, Pia.
Ti aspettiamo, guardando questo incredibile fiore che ci offre qualcosa di magico nella sua diversità.
Grazie e divertiti!
Lara

MarLor58 ha detto...

Ciao Pia,
cosa leggerò di serio e profondo in questi giorni di tua assenza??
(oltre al blog di Alberto, ovviamente).
Un abbraccio.

raggio ha detto...

una bellezza...singolare!
buone vacanze!

filo ha detto...

Nonostante le avversità,questo fiore ce l'ha fatta a sopravvivere senza rinunciare alla sua naturale grazia e bellezza. La diversità è una risorsa, ma se guardiamo a fondo ognuno di noi è allo stesso tempo diverso e uguale.
Buone vacanze, Pia.
A presto.

Vitamina ha detto...

Questo fenomeno riguarda il gambo del fiore e lo osservo spesso in piante diverse, si chiama "fasciazione", e questa volta ha prodotto un risultato speciale!

gian paolo ha detto...

Non trovo di meglio che ribadire quanto scritto da filo: "Nonostante le avversità".