venerdì 13 marzo 2009

Specula speculorum



Domani a Bordighera ci sarà la presentazione del libro "Il partito del cemento" di Marco Preve e Ferruccio Sansa.
La Liguria è protagonista: il cemento imperversa da sempre in questa piccola striscia di terra. Dopo aver devastato la costa, adesso si sta prendendo il mare, con la costruzione di porti e porticcioli che servono solo ai ricchi e agli speculatori.
Ma anche l'entroterra non scherza: nella mia piccola Vallebona, in arte "goodvalley", paesino di mille abitanti, siamo già all'ottavo condominio, frutto della pura speculazione edilizia che approfitta di un vecchio piano regolatore scaduto da tempo per realizzare palazzacci vari.
In genere vengono ad abitarvi persone da fuori che non alimentano le economie locali: aumentano solo il numero delle autovetture da parcheggiare, il traffico e l'immondizia.
E pare che "l'espansione" non sia finita qui.
D'altronde buona parte di questi complessi sono opera del primo cittadino, che in questi anni ha potuto liberamente muoversi vista l'opportunità che la popolazione gli ha concesso.
Siamo in Italia: specula speculorum, amen.


12 commenti:

Riverinflood ha detto...

Finirà per coprire tutta la Liguria. E i tuoi fiori, accidenti a tutti questi affaristi? E quel poco di terra che ha la Liguria. Io divento pazzo al solo pensiero.

Alberto ha detto...

Libro documentatissimo che ci fa vedere il retrobottega della politica dove si fanno gli affari sporchi e dove altroché inciucio.

Bontà loro che mi citano tra le fonti. Ne parlai QUI. Ciao Pia.

XPX ha detto...

E purtroppo sembra che le cose peggioreranno con l'ultimo "piano casa" ...

Anonimo ha detto...

Abbiamo avuto la fortuna di viverla (la Liguria) quando era ancora.. gradevole? intatta? non corrotta? E' il rovescio della medaglia di essere in un posto climaticamente e paesaggisticamente splendido (e aggiungo in un paese di diritto ma non di giustizia e di regole). Non si è deteriorato solo l'ambiente, purtroppo. Sempre più difficile pensare positivo.:-(
- marlor58.

gturs ha detto...

Purtroppo si vedono brutti centri commerciali e palazzoni al posto delle serre, probabilmente conviene di più vendere il terreno che coltivarlo.....è così Pia la nostra terra non rende più, così le vendono ai palazzinari!!!
Ciao Pia, buona serata.

Errebi ha detto...

Quello che più mi sorprende è la completa innefficacia del provvedimento di legge, sulla casa, approvato oggi. Pensa un pò; un povero cristo, che abita in un appartamento in condominio con quali possibilità può allargare il suo alloggio? Alla fine chi ci guadagna è sempre chi ha il villone e con l'aiuto dello Stato, cioè noi, anche se non ne avrebbe bisogno, può incremntare la cubatura di casa sua. Aspettiamo l'ultima mossa, fra un pò comincieranno i lavori in Sardegna...

Anonimo ha detto...

Insieme ai palazzacci ci metterei anche le tante orrende case,simildacia, similmessico,similvilla,similpalafitta, che vengono costruite in mezzo alla campagna o sui versanti vista mare,a deturpare il paesaggio e inquinare l'ambientem abitate quindici giorni all'anno e qualche fine settimana. Ciao pia.

filo ha detto...

Filo, l'anonimo qui sopra.

Fuin ha detto...

Anni fa a Ventimiglia i democristiani progettavano, i socialisti costruivano, i comunisti vendevano e i massoni approvavano.
Ai giorni nostri "il progresso" si trasferisce nell'entroterra.
Non c'è soltanto Vallebona. A Camporosso il cemento imperversa.

novalis ha detto...

Bisognerebbe sostituire il “piano casa” con un “piano sgombero”
…cominciando da: palazzo Montecitorio, palazzo Chigi e per finire palazzo Madama.

gaz ha detto...

Come River, non oso pensare se continuano così come diventerà la bella, fiorita Liguria?
Mi prende una tale rabbia...

skip ha detto...

Saranno sempre più doppie, triple case per chi potrà investire.
Ciao, Pia.