martedì 31 marzo 2009

Radio Tre

Trascorro la maggior parte dei pomeriggi nel "magazzino", ovvero il laboratorio per la lavorazione dei fiori, e ascolto sempre Radio Tre della Rai.
La trasmissione che non perdo quasi mai è "Fahrenait, i libri, le idee" e, per fortuna, c'è sempre da scoprire o da imparare qualcosa.
Oggi era ospite lo scrittore Eraldo Affinati (Roma, 1956) ed ha presentato Berlin, il suo ultimo libro.
Dal suo blog, www.sottotomo.com, ho copiato questa descrizione:
"Sette pronomi per sette giorni. Sette modi per raccontare una città incredibile, nata e risorta infinite volte. Chiunque ci sia stato e l’abbia amata troverà qualcosa in cui riconoscerla e riconoscersi. Edoardo Affinati riesce benissimo nel difficile compito di creare percorsi attraverso il tempo e lo spazio che davvero restituiscono l’unicità di una città, fino ai suoi odori. Un insieme composto da tante tessere di puzzle quanti sono i suoi quartieri, i poteri che l’hanno dominata, le persone che qui hanno trovato vita, morte, ispirazione o la semplice quotidianità di un currywurst ben preparato."
La cosa che mi ha colpito è stata la sua dichiarazione di "Berlino città multietnica", dove è già ben visibile la possibile convivenza tra persone dalle più svariate provenienze.
Ho tirato un sospiro di sollievo, mi ha dato la speranza che l'umanità potrà arrivare ad essere "umana".

P.S. Non so evidenziare un link: Alberto mi aveva già dato delle istruzioni, ma non ci sono riuscita ugualmente... Accetto consigli!


6 commenti:

la signora in rosso ha detto...

Berlino è una città splendida...ci sono stata l'anno scorso, e mi è piaciuta tantissimo, nuova, giovane e ospitale...

la signora in rosso ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
novalis ha detto...

Pia se mi mandi il tuo indirizzo di posta elettronica, ti posso aiutare per l'inserimento dei link.
Il mio lo trovi sul mio blog.
Ciao

coscienza critica (italiani imbecilli) ha detto...

Il problema è che noi non impariamo mai (le cose giuste) dagli altri Paesi. Prendi New York: è una vita che viene definita la città più multietnica del mondo. Ma quella moda USA, da noi, non ha mai attecchito.
Per il link, novalis ti darà una mano, magari con qualche immagine. Vedrai, è più facile a farsi che a spiegarlo.
Ciao

Anonimo ha detto...

Grazie per la citazione, ma Sottotomo non è il blog di Affinati, è un multiblog di recensioni :-)

Abbiamo vivamente consigliato il libro perché rende onore nel modo migliore a una città unica

ciao
Silvia

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.